Tag: declino cognitivo

Incontro su udito e declino cognitivo al Caffè Alzheimer

Ieri pomeriggio abbiamo preso parte al progetto “Caffè Alzheimer” presso la Casa residenza e Centro Diurno “San Biagio” a Casalecchio di Reno: ringraziamo tutti i partecipanti, che si sono confrontati con noi su un argomento che ci sta molto a cuore, udito e deterioramento delle funzioni cognitive.

La dott.ssa Bassoli ha presentato le ultime ricerche scientifiche sulle cause di declino cognitivo e su come una corretta prevenzione possa ridurne l’insorgenza.

In particolare, gli ultimi dati riportano che soggetti over 50 con sordità non trattata hanno una tendenza superiore dell’8% all’isolamento sociale, alla depressione e all’ansia rispetto ai loro coetanei normo acusici o portatori di protesi acustiche. Altri fattori che possono aumentare il rischio di demenza sono direttamente o indirettamente collegati all’udito: per esempio si limita l’attività fisica a causa di problemi di equilibrio che dipendono dal calo uditivo.

Tuttavia, con la prevenzione e un corretto stile di vita è possibile modificare questa tendenza.

Un percorso di riabilitazione uditiva può portare a:

  • Miglioramento nella comprensione dei suoni
  • Il cervello ricostruisce e rimpiazza la falsa memoria uditiva basata su input alterati e gradualmente migliora l’automazione e la velocità del processamento
  • Determina una miglior risoluzione del segnale uditivo, perché dalle orecchie arrivano più informazioni

La riabilitazione dell’udito si può ottenere attraverso il supporto degli apparecchi acustici o con trattamenti che lavorano sui processi cognitivi come il Metodo Tomatis® che lavora sulle capacità di ascolto e costruisce delle «riserve cognitive» in grado di rafforzare le connessioni cerebrali.

Vuoi saperne di più sui nostri percorsi di riabilitazione acustica? Contattaci allo 051 4859072 o via mail a info@auresbologna.it

© Aures di Chiara Bassoli 2017 | via Vittorio Veneto, 21/d, 40131 - Bologna
p.iva 03585291200 | Note legali | Privacy e Cookies