“Sentivo tutto ovattato e pensavo fosse un raffreddore…”

Sono Franca, vengo da San Giovanni in Persiceto Ho 93 anni e adesso sono in pensione dopo aver fatto tanti lavori, l’ultimo come pasticcera.

Avvertivo spesso una sensazione di ovattamento, che io attribuivo ad un raffreddore. Ma dopo un bel po’ di tempo, questa specie di intontimento non passava. È stato allora che ho capito che il mio udito era calato, non era certo colpa del raffreddore. Non sentire bene mi faceva faticare il doppio. Arrivavo alla sera esausta, ai miei familiari ripetevo continuamente “che hai detto? come?”…La situazione si è trascinata così per un paio di anni.

Appena ho capito cosa stava succedendo ho deciso insieme ai miei figli di fare qualcosa. Loro mi hanno supportato e spinto a provare la soluzione degli apparecchi acustici. Anche l’otorino a cui mi sono rivolta mi ha confermato la necessità di portare le protesi acustiche.

Le prime volte che ho messo l’apparecchio mi sono sentita abbastanza bene, non mi ha mai dato fastidio. All’inizio sentivo solo un leggerissimo prurito ma niente di particolare, è sparito in fretta. La regolazione non è partita subito al massimo, l’apparecchio mi è stato alzato a poco a poco. Mi dovevo riabituare a sentire i suoni.

Ho avvertito una bella differenza tra la mia vita di prima e quella di adesso con gli apparecchi. Sono più tranquilla quando vado a fare la spesa e posso chiacchierare meglio con le persone.

Gli apparecchi acustici sono una soluzione da consigliare sicuramente a chi ha problemi di udito.

Hai ancora dubbi sugli apparecchi acustici? Leggi sul blog le testimonianze di chi ha scelto di portarli regolarmente.

Per approfondimenti, contattaci allo 051 4859072 o lascia qui i tuoi dati, ti richiamaremo noi!

apparecchi acustici, testimonianza

© Aures di Chiara Bassoli 2017 | via Vittorio Veneto, 21/d, 40131 - Bologna
p.iva 03585291200 | Note legali | Privacy e Cookies