Alcuni farmaci influiscono negativamente sull’udito

Alcuni farmaci possono causare danni irreparabili all’udito: in questa inchiesta, trasmessa dalla rete americana WFAA,  vengono messi in evidenza gli effetti di alcuni farmaci chemioterapici “tossici” per le orecchie.

Giornalista 1 : Parliamo di uno dei meno conosciuti effetti della chemioterapia che è la perdita dell’udito….cioè, io non ne ho mai sentito parlare da nessuno…

Giornalista 2 : Si… quando ho parlato con questa audiologa ho pensato che forse anche ad altre persone fa piacere saperlo, gli audiologi con cui ho parlato chiamano alcuni di questi farmaci “tossici per le orecchie”…ora, questa non è una nuova scoperta ma un rinnovato interesse viene posto sui sopravvissuti al cancro, il focus si sposta sulla qualità di vita, durante e dopo il trattamento della malattia.

Voce narrante: Tina Meyers è un’impegnata mamma di 5 figli, ha 46 anni e è anche una sopravvissuta al tumore al seno.

Tina: Mi hanno detto che avevo un cancro al seno, il che è stato devastante perché nessuno nella mia famiglia aveva mai avuto il cancro.

Voce narrante: Focalizzato sulla sopravvivenza, il trattamento di Tina includeva chirurgia, chemio e radiazioni. Non era stato incluso un basilare test dell’udito. Due anni dopo Tina ha iniziato a notare grossi cambiamenti.

Tina: I miei figli dovevano chiamare il mio nome diverse volte (prima che li sentissi) oppure dicevano: mamma non hai sentito il campanello? No…

Voce narrante: Tina non aveva mai avuto problemi di udito prima del trattamento del cancro. Crede che due anni di farmaci chemioterapici abbiano seriamente danneggiato l’udito

Dr. Marilyn Heinrichs: Noi sappiamo che sono tossici per le orecchie

Voce narrante: L’audiologa Marilyn Heinrichs ha sottoposto a test dell’udito un grande numero di sopravvissuti di cancro che hanno  problemi di acufeni.

Dr. Marilyn Heinrichs: Non puoi riparare (l’udito) completamente perché è danneggiato il nervo o le cellule ciliate nella parte dell’ orecchio che sente.

Voce narrante: Usando segnali ad ultrafrequenza, la dott.ssa Heinrichs monitora cambiamenti nell’ascolto che possono comparire anche solo 24 ore dopo un ciclo di chemio.

Jennifer: Dopo il mio primo trattamento del Maggio 2011 ho immediatamente riscontrato un ronzio nelle orecchie.

Voce narrante: Jennifer Bobo ha appena finito il suo secondo ciclo di chemioterapia. Sta lottando contro il cancro al seno e adesso combatte anche contro un implacabile ronzio nelle orecchie.

Jennifer: Immagina di guardare da fuori un bel pomeriggio d’estate e senti i grilli…soltanto che è un suono costante di sottofondo.

Voce narrante: Con l’aiuto di protesi Tina può comunicare di nuovo con i suoi figli.

Tina: Vorrei dire “occhi aperti” ma è meglio “orecchie aperte”.

Voce narrante: Prende ancora i farmaci perché la malattia è nelle ossa ma i medicinali che prende adesso non hanno effetti collaterali per il suo udito e le permettono di essere pienamente presente per la sua famiglia.

Giornalista 2: Un’audiologa ha identificato una lista di circa 200 farmaci che possono causare problemi all’equilibrio uditivo e problemi di acufeni in bambini ed adulti affetti dal cancro, la pubblicherò sul sito WFAA.com. Vorrei aggiungere che non si tratta di tutti i farmaci chemioterapici, alcuni di questi sono antibiotici che vengono presi per lunghi periodi di tempo.

 

Se anche tu avverti i primi segnali di una perdita uditiva, non aspettare e prenota una visita gratuita con esame dell’udito: chiamaci al numero 051 4859072.

© Aures di Chiara Bassoli 2017 | via Vittorio Veneto, 21/d, 40131 - Bologna
p.iva 03585291200 | Note legali | Privacy e Cookies